Crea un account Nostrale Nostrale

Questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione l'utente accetta di utilizzare i cookies. Dettagli x

Piace a 7
Condividilo su:  

Latte, caratteristiche alimentari.

Il latte si caratterizza sul piano nutrizionale per gli apporti di proteine di elevato valore biologico (sieroproteine principalmente e caseine), di alcune vitamine (in special modo la B2,
la B12 e la A) e di calcio. A tal proposito è importante che calcio e fosforo risultino, nel
complesso della dieta, in un rapporto pari o superiore all’unità: una introduzione eccessiva
di fosforo (quale quella associata a diete troppo ricche di proteine) può portare, infatti,
a consistenti perdite di calcio, con il rischio di danni che possono arrivare alla demineralizzazione delle ossa.


La presenza del latte e dei suoi derivati nella dieta è pressochè indispensabile per l’equilibrio e l’adeguatezza della razione giornaliera. L’apporto in energia fornito dal latte è comunque moderato: si va dalle circa 60 calorie per 100 grammi di quello intero alle 50 del
latte parzialmente scremato, fino alle 35 del latte totalmente scremato.
Il latte è, comunque, l’alimento economicamente più conveniente per soddisfare il bisogno
di proteine animali, che per l’uomo adulto può essere valutato in circa 35 grammi al
giorno. La quantità giornaliera auspicabile varia dai 200 ai 300 millilitri, e dovrebbe essere
superiore (almeno 500 millilitri) per le gestanti e le nutrici, nonchè per i bambini e gli
adolescenti.

In alcuni individui il latte può dare origine a fenomeni d’intolleranza provocati generalmente
dal lattosio o dalle proteine. Chi soffre di un’intolleranza al lattosio, in genere, non
ha fastidi se consuma quantità di latte ridotte o cibi che ne contengano piccole dosi. Queste
persone possono comunque utilizzare il latte “delattosato” (enzimaticamente predigerito)
o lo yogurt (nel quale il lattosio è già in gran parte scisso). L’intolleranza alle proteine
del latte è, invece, una forma di allergia alimentare abbastanza comune nei bambini.
La tolleranza si stabilisce, in genere, verso il secondo o terzo anno di vita. Prima di allora
l’alimento non tollerato va escluso dalla dieta.

 

Fonte:

testi: Davide Ciccarese

Nostrale si riserva il diritto di procedere per vie legali contro i fruitori non autorizzati di questa immagine. L'immagine non può essere utilizzata da terzi per scopi commerciali. Per richiedere l'utilizzo contattare Nostrale all'indirizzo mail.

 

COMMENTI:

Per aggiungere un commento devi essere registrato a Nostrale.it
Se non sei ancora registrato clicca qui oppure accedi
Davide Ciccarese, 5:13 pm - Nov 28th,2012

che bellissimo articolo, ma veramente bellissimissimo scritto in italiano perfettissimo!